venerdì, aprile 20, 2018
TIciVINO

VINATTIERI ROSSO 2009

alt

il VINATTIERI è un vino rosso, Ticino doc, da uve Merlot. Il primo anno di produzione è il 1985 con circa 25’000 bottiglie all’anno. Progressivamente è (1) diminuita la produzione annua (circa 10’000 per le annate dopo il 1995), (2) diminuita la resa per ha, (3) aumentata la qualità. Dal 1985 al 1995, Il Vinattieri veniva prodotto abbastanza tradizionalmente con rese abbastanza alte, intorno ai 100 q.li x ha; una vinificazione in vasche inox e il successivo affinamento in barriques. Dal 1995 il Vinattieri cambia. Rese molto più basse, appassimento di un mese delle uve in cassette e in locali termoventilati, vinificazione in tini di legno da 4’000 litri e affinamento in barriques nuove. La quantità di bottiglie prodotte si è così dimezzata. Attualmente la produzione annua è di circa 10’000 bottiglie. Le uve, raccolte a maturazione perfetta, subiscono un appassimento per circa 1 mese in cassette. Il produttore: Vinattieri Ticinesi, Ligornetto – link articolo qui

alt

annata 2009 – degustiamo lo stesso vino, dalla stessa bottiglia, nell’ambito della stessa sera. Siamo in tre …

Note di degustazione del Rosso Vinattieri 2009, 21 gennaio 2012 – (di Renato Cordaro): Il Vinattieri 2009 si presenta di colore rosso rubino intenso, limpido. Al naso a primo impatto i profumi sono timidi, e solo dopo qualche ora, emerge il sottobosco, frutti rossi direi anche sottospirito, il tabacco dolce, le spezie dolci, come la cannella, e la liquirizia, con qualche sfumatura che ricorda la crema di caffè. Al palato si presenta di buon equilibrio, di buona freschezza, pulito, morbido, fine, persistente, con i suoi muscoli da vino importante e lunga vita… dichiarando la sua “internazionalità”, quindi un po’ meno territoriale. Con la sua eleganza conquista il palato, senza la necessità di un supporto in abbinamento, e sorso dopo sorso, cattura tutte le sfumature e note percepite al naso che esplodono in bocca. Un vino senza dubbio che si fa ricordare e desiderare!
21 gennaio 2012 – (di Vittoria Fagetti): Ho avuto l’occasione di assaggiare il Vinattieri Rosso 2009: un vino straordinariamente importante, imponente, forte, potente. Grande struttura. Seduce da subito, dal primo assaggio, dal primo profumo. Talmente persistente da lasciare un segno. Colore: rosso rubino intenso e profondo, abbastanza impenetrabile. Limpido. Naso: profumi intensi di frutta rossa matura, già quasi marmellata di ciliegie e more. Un po’ di prugna. E poi via via tutte le sfumature di cacao, caffè, liquirizia, cuoio. Leggera vaniglia. Note dolci, ma non invadenti, sempre discrete. La frutta emerge sempre, non viene mai superata dalle note tostate. Spezie come chiodi di garofano, pepe, cannella. Alcolicità importante che si percepisce anche al naso. Palato: freschezza e morbidezza già in buon equilibrio. Grande piacevolezza di beva. Molto caldo. Tannino presente ma setoso, morbido, piacevole. Grande sapidità e mineralità in buon equilibrio con l’alcolicità e la consistenza del vino. Un vino di corpo, quasi robusto. Necessita di un calice ampio, che possa respirare e aprirsi ulteriormente. Infatti dopo qualche ora le note di frutta sono ancora più intense, sono dappertutto, insieme a note balsamiche. Un vino inebriante, da non lasciarsi scappare, da mettere via, in cantina e poter riaprire fra 5 anni. L’etichetta è stata modificata. È di color argento con le scritte rosse. È davvero un vino ambizioso, ricco. Vuole stupire … e stupisce. Si fa ricordare. Forse è pronto per uscire fuori dai confini del Canton Ticino, Svizzera, dove nasce.

21 gennaio 2012 – (di Oriana Crespi): Il colore si presenta di un bel rubino carico, compatto, con un unghia soleggiata. Limpido, pulito. Consistente. Al naso e’ pieno , intenso, ampio, fine. I profumi di piccola frutta rossa matura, sono speziati e dolci. L’attacco e’ delicato ma poi si sviluppa con calma ed  in progressione esprime la sua complessita’ gustativa. Morbido, caldo, denota qui tutta la sua potenzialita’ e grandezza. Eccellente.

abbiamo degustato lo stesso vino, dalla stessa bottiglia, nell’ambito della stessa sera. Eravamo in tre …… interessante è vedere la differenza di sensazioni un po’ diverse. Ciò anche a conferma che il giudizio sul vino è assolutamente PERSONALE. Dipende spesso (in questo caso) dal nostro stato d’animo e dalla nostra predisposizione all’assaggio.

annata 1985 e 2004 – degustazione di gennaio 2011 – annate 1985 e 2004: qui

alt

annata 2009 – degustazione del 29 novembre 2013: qui

  • Il vino si presenta nel bicchiere di colore rosso rubino con lievi riflessi granati.
  • Al naso prevalgono note di cuoio, sentori leggermente balsamici, note minerali di terra, note vegetali, frutta matura, menta, pepe, spezie. È ampio, elegante, fine.
  • Al palato è buonissimo, molto elegante, morbido, praticamente un velluto. Non ce l’aspettiamo tutta questa eleganza da un vino Svizzero del Canton Ticino. Ma alcuni produttori ci riescono. Il vino è molto persistente con un finale succoso, pieno, ricco, avvolgente. Confettura dolce di ciliegie e frutta rossa in generale. Barrique discreta. Minerale e sapido, caldo. Equilibrato.

alt

uva merlot in appasimento:

alt

alt

alt

Like this Article? Share it!

Leave A Response