domenica, novembre 19, 2017
TIciVINO

DAVIDE GHIDOSSI a CADENAZZO e CROGLIO

Da sempre appassionato di viticoltura, Gianfranco Ghidossi, il papà di Davide, nel 1992 costruisce a Cadenazzo una cantina moderna, progettata dall’architetto Aurelio Galfetti, con attorno un vigneto di circa un ettaro e mezzo. Incomincia così l’avventura vitivinicola della famiglia Ghidossi. Negli anni successivi acquista altri piccoli vigneti a Claro, a Sessa e a Croglio dove nel 2010 costruisce una seconda piccola cantina per la vinificazione e la degustazione dei suoi vini. Gianfranco Ghidossi lavora la vigna per hobby e passione, che trasmette al figlio. Davide decide perciò di frequentare la scuola a Changins dove studia enologia e viticoltura. Ha l’opportunità di vedere realtà differenti e fare diverse esperienze fuori casa: due vendemmie per la scuola a Changins, poi nel Vallese, nel Canton Vaud, a Ginevra e persino in Australia per altri due anni. Nell’estate del 2012 torna e si occupa dell’azienda di famiglia totalmente. Completamente suoi sono i vini a partire dalla vendemmia 2012.

Attualmente possiedono circa 1 ha a Croglio, 1.2 ha a Cadenazzo con ceppi di oltre 30 anni, circa mezzo ettaro a Claro, 2 ha a Sessa zona intorno alla Chiesa di san Martino, e un altro mezzo ettaro ancora a Sessa di nuovo impianto. Le uve allevate sono: Merlot, Diolinoir e Gamaret per i rossi e Doral, Johanniter, Chardonnay e Moscato Bianco per i bianchi.

Terra del Sole bianco 2015 nasce da uve Merlot vinificate in bianco, Doral e Johanniter. Il Merlot nella misura del 70% proviene dai ceppi giovani del vigneto di Croglio e Sessa, mentre Doral 20% e Johanniter 10% dal vigneto di Claro. È vinificato in acciaio, dove rimane anche per un breve affinamento. Il vino si presenta di un colore giallo paglierino molto tenue. Al palato è fresco, con un finale morbido e secco. Un vino semplice, pulito, e piacevole.

Dialogo 2015 è il vino bianco più importante. Nasce da uve Chardonnay nella misura del 60% allevate a Cadenazzo, con un 30% di Doral e Johanniter dal vigneto di Claro e un 10% di Merlot vinificato in bianco dal vigneto di Sessa. Le uve sono tutte vinificate separatamente in barriques, dopo l’assemblaggio sono lasciate ad affinare per circa 6 mesi in barriques in parte nuove e in parte di secondo passaggio. Si presenta di un colore giallo paglierino leggermente più intenso rispetto al Terra del Sole bianco, ma sempre abbastanza chiaro. Al naso leggere e delicate note di frutta  come la pesca bianca e note floreali di ranuncolo e primula. C’è più struttura e più corpo al palato, molta freschezza e una sapidità quasi piccante proprio di pepe bianco. Leggere note di nocciola tostata e belle sensazioni citriche in bocca. Piacevole e fine.

Terra del Sole rosato 2016

Terra del Sole rosato 2016 nasce da uve Merlot 100% provenienti dai vigneti di Croglio e Sessa. Dopo 6 ore di macerazione continua la vinificazione in acciaio inox. È leggero, delicato e si presenta con un bel colore davvero rosa (e non arancione!!!). Al palato belle sensazioni di pesca, di ciliegia e ribes. Fresco, abbastanza minerale. Raramente sono entusiasta sui vini rosati, ma questo invece mi ha colpito.

Terra del Sole rosso 2015 nasce da uve Merlot 100% provenienti dai diversi vigneti di Croglio, Cadenazzo e Claro. La vinificazione avviene in acciaio a cui segue un affinamento breve di 4 mesi circa, in parte ancora in acciaio e in parte in barriques di terzo passaggio. Al naso si presenta con note abbastanza intense di frutta matura e piacevole. Si distinguono la mora e la ciliegia a cui si aggiunge un po’ di speziatura. Al palato risulta fine e piacevole, con una bella sensazione di freschezza e un’impronta minerale interessante per un vino comunque semplice. I tannini sono fini, poco astringenti. Il vino è pulito con delle belle note erbacee di erba appena tagliata sul finale.

Triade 2013

Triade 2013 è un vino rosso che nasce dall’assemblaggio di tre uve diverse: un terzo di Diolinoir, un terzo di Gamaret e un terzo di Merlot allevate tutte nel vigneto di Cadenazzo. Vinificate separatamente, affinano per 18 mesi in barriques di secondo passaggio. Il vino si presenta più intenso, più succoso di frutta e più piacevole rispetto al Terra del Sole, con note di frutta matura, sensazioni più marcate di speziatura e belle note minerali. Al palato è morbido e anche molto fresco. Esprime belle sensazioni minerali e di sapidità. Elegante.

Saetta 2013

Saetta 2013 è il vino di punta dell’azienda. Nasce da uve Merlot 100% solo dal vigneto di Cadenazzo, selezionata dai ceppi più vecchi di oltre 30 anni. Vinificato e affinato in barriques nuove, si presenta al naso con note di frutta rossa molto matura e intensa. Sensazioni dolci e piacevoli di more e ciliegie. Molta speziatura e molta mineralità. Leggere note erbacee. Il vino è in continua evoluzione. Al palato è sapido, minerale, avvolgente, caldo, con un finale lungo di frutta dolce e matura, insieme con note di caffè e cacao. Equilibrato, elegante, persistente, un vino intenso, ma non opulento. Si esprime con finezza vibrante. Qui c’è piacevolezza e terroir.

prosit

VF

Like this Article? Share it!

Leave A Response